Tel & Fax: 0963.71143 info@studiotecnicoese.it
Via degli Abeti n° 7 Serra San Bruno (VV) 89822 Contattaci
Superbonus 110% Studio Tecnico E.S.E.

Superbonus 110%: decreto rilancio 2020

Superbonus 110% Studio Tecnico E.S.E.

Superbonus 110%: analisi decreto rilancio 2020

Facciamo un pò di chiarezza sul bonus 110% ovvero, su cosa è indicato nel Titolo VI – misure fiscali – art. 119. “Incentivi per efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica di veicoli elettrici”

Ecobonus

Il comma 1, 2, 3 si riferiscono a ECOBONUS. Vi sono 3 interventi “madre” o principali senza i quali non si accede alla detrazione fiscale al 110%, essi sono indicati al comma 1 e sono:

  1. isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali con una copertura superiore al 25% delle superfici disperdenti. Spesa massima di 60.000 € per unità immobiliare;
  2. sostituzione dell’impianto termico centralizzato di climatizzazione invernale esistenti in edifici (condomini) con più unità immobiliari con un impianto centralizzato di riscaldamento/raffrescamento/produzione di acqua calda sanitaria alimentato da caldaia a condensazione (classe A), pompe di calore, sistemi ibridi, impianti geotermici e impianti di microcogenerazione anche abbinati a impianti fotovoltaici con relativo sistema di accumulo. Spesa massima di 30.000 € per unità immobiliare;
  3. sostituzione di impianto di climatizzazione invernale esistente, in edifici unifamiliari, con un impianto di riscaldamento/raffrescamento/produzione di acqua calda sanitaria a pompa di calore, sistemi ibridi, impianti geotermici e impianti di microcogenerazione anche abbinati a impianti fotovoltaici con relativo sistema di accumulo. Spesa massima di 30.000 € per unità immobiliare;
isolamento-termico
isolamento termico
impianto termico centralizzato
impianto termico centralizzato
Riscaldamento autonomo
Riscaldamento autonomo

Leggi anche le domande più frequenti sul Superbonus al 110%

Al comma 2 vi sono quindi gli interventi “figli” o secondari, (infissi, schermature solari, caldaie a condensazione, sistemi ibridi ecc…) che non rientrano al 110% se non agganciati ad un intervento “madre” o principale visti precedentemente ai punti 1, 2 e 3.

Ad esempio, la sostituzione degli infissi, che da sola ha una detrazione del 50%, se la faccio contestualmente all’intervento 1 di cappotto esterno, con i requisiti richiesti per il 110%, salgono anch’essi al 110%.

Il comma 3 ci dice che per ottenere la detrazione fiscale al 110%, per tutti gli interventi visti al comma 1 e al comma 2, devo assicurare, anche con il contributo del solare fotovoltaico e dell’eventuale batteria di accumulo, il miglioramento di almeno 2 (due) classi energetiche dell’edificio.

In sostanza, per rientrare nell’ecobonus 110%, si deve comprovare il salto di 2 classi nell’attestato di prestazione energetica attraverso un A.P.E. (attestato di prestazione energetica) pre-intervento ed un altro A.P.E. post-invervento. Entrambi andranno inviati all’ENEA insieme alla richiesta di incentivo.

Il comma 4 riguarda gli interventi di miglioramento sismico (SISMABONUS) che sarà trattato in un altro articolo.

Leggi anche le domande più frequenti sul Superbonus al 110%

Bonuscasa

Nel comma 5 si parla di fotovoltaico che può essere detratto, con un limite di 48.000 € e comunque nel limite di 2.400 € per kW di potenza nominale dell’impianto, se installato congiuntamente ad un intervento “madre” del comma 1 o congiuntamente ad un intervento di miglioramento sismico. Il limite di spesa di 2.400 € a kW viene ridotto a 1.600 € se gli interventi riguardano interventi di ristrutturazione edilizia, interventi di nuova costruzione e interventi di ristrutturazione urbanistica.

Viene riconosciuta la stessa detrazione nel comma 6 come per il comma precedente anche ai sistemi di accumulo installati contestualmente o successivamente agli impianti solari fotovoltaici con un limite di spesa a 1.000 € a kW di capacità di accumulo.

comma 7: La detrazione del fotovoltaico e della relativa batteria di accumulo e’ subordinata alla cessione in favore del GSE dell’energia non auto-consumata in sito e non e’ cumulabile con altri incentivi pubblici o altre forme di agevolazione di qualsiasi natura previste dalla normativa europea, nazionale e regionale, compresi i fondi di garanzia, di rotazione e gli incentivi per lo scambio sul posto.

Colonina-di-ricarica-elettrica
Colonina di ricarica elettrica

Il comma 8 riguarda l’installazione di infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici (colonnine di ricarica) che accedono alla detrazione fiscale del 110% se installate congiuntamente ad un intervento madre di cui al comma 1.

Nel comma successivo si individuano le figure che possono usufruire del superbonus 110% ovvero, i condomini, le persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni (salvo quanto previsto dal comma 10), gli istituti autonomi case popolari e le cooperative di abitazioni.

Nel successivo comma 10 viene specificato che gli interventi di Ecobonus si applicano solo per la prima casa per il privato.

Leggi anche le domande più frequenti sul Superbonus al 110%

Per quanto riguarda cessione del credito e sconto in fattura restiamo in attesa di chiarimenti vari e della reazione del mondo bancario/finanziario.

Lo Studio Tecnico E.S.E., oltre alla fornitura e posa in opera di tutti gli impianti ad energia rinnovabile, segue i propri clienti attraverso tutto l’iter, dallo studio di fattibilità, passando dalle pratiche edilizie e redazione degli attestati di prestazione energetica (A.P.E.) fino all’espletamento della pratica ENEA. Per maggiori informazioni e preventivi puoi contattarci ai nostri recapiti telefonici:

Ing. Raffaele Campese

Geom. Cosimo Malvaso

Ing. Massimo Campese

Anche su WhatsApp

Superbonus 110%: decreto rilancio 2020